sabato 8 agosto 2015

Dal 17 al 3 (prima di 5 parti)



Quando si progetta un’impresa pare che siano tutti lì a darti una mano
e a incitarti ma poi, quando è ora di compierla, ti ritrovi da solo e così è stato per me
per cui ho deciso che sia giunta l'ora delle decisioni irrevocabili:
parto da solo, prendo la barca e la porto a casa,
anzi no, viene Marco mio figlio, abbiamo già deciso la data di partenza, 15 Luglio.
Capita però che le decisioni irrevocabili non siano mai ne’ definitive ne’ giuste (la storia insegna)
e allora Max decide che può prendere dieci giorni di ferie e così viene lui.
In barba alla cabala e ai detti sapienziali, si parte venerdì 17 da casa mia
e si va a prendere Massimo mio fratello che riporterà a casa la macchina.
Un salto al bar, ci sono Oscaretto, Paolo e Maurizio che mi dà buone notizie di Marcello,
un giro di prosecco e via. A Roma!
Carichiamo acqua e gasolio, proviamo tutto quello di cui siamo indecisi,
Massimo ritorna a casa con la mia macchina
e sabato mattina alle sette e un quarto si parte: rotta sulle isole Pontine.
Tempo bello, vento10 nodi,  mare calmo velocità 4.5 nodi,
continue pennichelle e lettura, osservazione del paesaggio,
controllo delle carte nautiche e della strumentazione, una vitaccia!
Troviamo un parabordo che galleggia. Pescato!
Luciano telefona a Max e dice che vorrebbe essere con noi.
Arriviamo nei pressi di Ponza giusto in tempo per vedere il tramonto dietro le isole
e giriamo per Ischia passando davanti a Ventotene che però vediamo solo da distante.
Il mio turno finisce alle due ma Max viene su alle tre e io vado a dormire.
Manco mezz’ora e sento un gran trambusto, salgo e c’è Max che tenta di chiudere il fiocco
perché c’è vento forte ma fintanto che il fiocco sta a vento non ce la fa, è nel pallone,
e la cima del rollafiocco è nel winch, cazzata a ferro.
Cerco di calmarlo ma è inutile e allora gli urlo, assieme a qualche improperio,  di andare a vento.
Vado a prua a vedere cosa è successo e vedo il guida cima rotto
Lui mi urla qualcosa, alzo gli occhi e vedo un palazzo illuminato,
una nave da crociera troppo vicina e davanti alla prua
“Hanno acceso un faro per illuminarci forse vogliono dirci qualcosa”
“Vogliono dirci che dobbiamo levarci dalle palle, te sta buono li che adesso raccogliamo”
ha una paura matta, pesta i piedi come un bambino e urla di continuo
vuole cambiare rotta perché il palazzo è sempre più vicino
ma finché non ho chiuso, tra un urlo e un insulto,  riesco a farlo star lì.
Finalmente ce la facciamo, giriamo la barca quando ormai ce l’abbiamo quasi sopra
e andiamo via col faro del palazzo che ci segue per un po’.
Metto la testa in mezzo alla battagliola e vomito, adesso sto meglio.
"La cima del rollafiocco non si mette mai nel winch,
hai spaccato il giodacima, come fai a essere così testa di cazzo!"
"Ero solo .."
"Potevi chiamare, non ero mica in Australia"
Alle cinque di mattina siamo davanti a Ischia diretti a Capri,
passiamo a est e giriamo per Punta Campanella,
ormeggiamo alla boa dove un furbastro ci viene a prendere e ci porta a terra
per la modica cifra di 50 euri,
qui la ricevuta non te la fanno manco su un foglietto di carta da pacchi.
123 miglia percorse.
Alle nove chiamo Paolini per il resoconto della giornata e il programma di domani,
ci ha dato qualche carta nautica scaduta nell’87 e in cambio vuole che lo chiami tutti i giorni
in modo che possa raccontare le nostre imprese sul terrazzo della Lega Navale.
Max cucina una pasta e la condisce con un sugo pronto Barilla alla ricotta
(solo questi giorni che sto ormai pulendo la barca mi accorgo che era scaduto un anno fa)
con aggiunta di zenzero olive, piselli e non so cos’altro,
non lo butto ai pesci per paura che me lo tirino addosso.
“Com’è?”
“Meglio, molto meglio di una merda di vacca”
Facciamo una lunga passeggiata panoramica e digestiva,
cena  al ristorante (paga lui) e a letto presto.
Partenza ore 5,  rotta a Sud.
Anche oggi vento debole al giardinetto, sole splendente, mare calmo.
Si va a 5 nodi col motore al minimo e il gennacher che sta bello gonfio.
Si arriva a Marina di Camerota alle 15.30, abbiamo fatto poca strada
ma la notte quasi in bianco ci ha fiaccati.
Ormeggiamo gratis nella banchina pubblica, altre 60.2 miglia fatte:  totale 183.2
Andiamo a fare la doccia, una ragazza con una dentatura da cavallo ci chiede 3 euri a testa.
Ovviamente non li abbiamo.  “Li portiamo dopo”. Si fida.
Dopo li porteremo e lei ci ringrazierà con un ampio sorriso equino.
Mi sono scordato il sapone, apro un armadietto e lo trovo pieno di quelli che
i doccianti prima di me si sono dimenticati, mi lavo e lo passo a Max.
Facciamo un giro,  Max è sempre dietro e mi tocca aspettarlo
parla al telefono  in continuazione e lo fa anche nei momenti in cui servirebbe il suo aiuto.
Compro frutta e al ritorno lo trovo a metà strada ancora col telefono all’orecchio.
“Hai comprato l’insalata?”
“Ordinala per telefono e non rompere”
Qui il comune vende l’acqua in bottiglie per 5 centesimi,
ovviamente noi l’abbiamo saputo dopo che sono state buttate tutte le bottiglie vuote
ma riusciamo a riempire una bottiglietta con mezzo litro di acqua liscia
perché quella gasata non viene giù. Naturalmente i 5 centesimi non li ho e ne metto 10,
chissà se al comune si accorgono e mi mandano un telegramma di ringraziamento?!
a cena berremo felici del grande successo e al poderoso risparmio.
Al ritorno vedo On Air, una bella barca da 10 matri,  dentro c’è il professore,
uno che ho conosciuto a La Maddalena,
parliamo un po’ e mi racconta come ha vinto la Millevele per Garibaldi
(per chi non lo sapesse è una regata che si fa a fime Maggio tra Roma e Caprera).
Luciano telefona a Max e dice che vorrebbe essere con noi. 
Andiamo a letto ma sul molo c’è un passeggio con allegato chiacchiericcio continuo
e lì vicino c’è una discoteca all’aperto che spara musica idiota fino alle due.

10 commenti:

  1. Quest'anno a Ponza ci sono stata pure io, bellissima soprattutto dal mare.

    Buona domenica.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. quel condominio lì mi avrebbe annichilita dalla paura

    RispondiElimina
  3. Ecco perchè non ti trovavo più...buon proseguimento d'estate!
    Antonella

    RispondiElimina
  4. Mio nipote a luglio ha fatto un corso di barca a vela alla Maddalena, alla marina militare.

    RispondiElimina
  5. Da ferroviere a marinaio, o sbaglio? Vedo che le avventure non ti mancano! Buona prosecuzione d'estate!

    RispondiElimina
  6. Oooooh, sei tornato. Col vento in poppa. E un occhio attento ai sorrisi delle ragazze ;)

    RispondiElimina
  7. E' un piacere ritrovarvi
    credevo di aver perso lettrici invece siete ancora qui,
    un bel sostegno, grazie monelle!
    Adesso ne pubblico un altro pezzo.

    RispondiElimina
  8. In ritardo, ma ci sono pure io. Sempre un piacere leggerti.

    RispondiElimina
  9. LU!!
    mannaggia, è una vita che non ti leggo,
    un giorno o l'altro toccherà che ti chiamo

    RispondiElimina

Ho una gran fiducia in tutti quanti ma sono stato costretto ad aggiungere un test di verifica. Abbiate pazienza.