lunedì 18 settembre 2017

Primo giorno di scuola



Allora da adesso si comincia una storia
che dovrebbe andare avanti per 13 o 17 anni,
la Bianca va a scuola, fa la prima elementare.
Le operazioni di ingaggio cominciavano alle otto e un quarto,
alle sette e tre quarti eravamo già lì perché la Meg aveva paura di far tardi,
dopo qualche minuto è arrivata la Bianca
che siccome vedeva poca gente intorno ha chiesto alla madre:
“Sei sicura che non siamo arrivati un po’ presto?”
Era bellissima la cocca di nonno dentro il suo grembiulino azzurro,
sorrideva ma lo faceva più per tranquillizzare noi che per vera felicità
aveva quel sorriso che ha chi si sente a disagio e non lo vuol far sapere,
anzi, io che la conosco bene l’ho vista anche un po’ preoccupata
ma ho fatto finta di credere che lei fosse felice,
in fondo i nonni possono anche far finta di essere tonti quando non lo sono davvero.
Appena ho visto lo zaino ho avuto il sospetto che dentro ci fosse la sorella
ma lei che forse aveva capito che mi sembrava troppo grande
per fugare i miei sospetti c’ha fatto vedere tutte le cose che c’erano dentro
contenta, sta volta, di avere tutte quelle robe nuove.
Già per strada il padre m’ha rinfacciato che al suo primo giorno di scuola io non c’ero
“Ero a lavorare per farti fare una vita migliore di quella che ho fatto io,
e poi la Bianca me l’ha chiesto se andavo a vederla al suo primo giorno di scuola e te no”
A sentire i discorsi di quelli che conosco
pare che nessun figlio sia contento del proprio padre;
o siamo una generazione di stronzi noi padri o lo sono loro
io sono sicurissimo della seconda.
Allora, tutti i genitori coi figli davanti alla scuola in fila italiana
vale a dire a casaccio o meglio accalcati,
in un giardino di un chilometro quadrato,
66 bambini e 132 genitori (ai nonni era vietato ma io sono andato lo stesso
perché ho un aspetto più giovanile di parecchi genitori)
occupavano solo i tre metri che stanno davanti alla porta,
poi dicono che non siamo capaci di risparmiare territorio.
Tre maestre sulle scale con vestiti rosso giallo e verde
che con bandierine in mano dello stesso colore
chiamano i bambini per nome e cognome.
La rossa storpia i nomi e non si presenta nessuno
finché un genitore non capisce che potrebbe essere suo figlio
e gli dà uno spintone per mandarlo a prendere la sua bandierina
secondo me la maestra ci vede benissimo, o è dislessica
o ha fatto solo la seconda elementare e non sa ancora leggere.
La gialla dev’essere parente a Frankestein e ne ha ereditato tutti i tratti somatici,
fortuna che non dovrò andarci a parlare
ma qualcuno dovrà consigliarle almeno un parrucchiere
prima che ai bambini vengano i fantioli.
La verde è alta un metro e venti e dovrebbe pesare intorno ai cento chili
è fasciata in una tubino verde che mostra alla perfezione le forme
anzi, le sottolinea e pare la Venere Preistorica,
forse insegnerà storia dell’arte del paleolitico.
I nuovi scolaretti sono fantastici, qualcuno non vuole lasciare la madre
(lo capisco) qualcuno la lascia ma piange,
il più grande di tutti che pare abbia vent’anni non si consola
e ogni tanto guarda indietro per vedere se i genitori sono ancora lì,
c’è uno con la faccia da play boy che deve aver adocchiato già la sua preda
guarda fitto una morettina che però ha la bandierina di un altro colore,
le bambine fanno subito amicizia e parlano tra loro
una coi capelli rossi e gli occhiali che pare uscita da un cartone animato
chiede a tutti come si chiamano e si presenta: “Piacere Sara”.
Mi pare che questa mandata di prime sia proprio bella,
purtroppo avranno tutto il tempo per guastarsi
e lo faranno proprio come l’abbiamo fatto tutti.
Di la dal vetro vedo qualche signora, forse le bidelle,
che sono lo specchio esatto delle maestre,
praticamente abbiamo mandato la Bianca al Cottolengo
però ho fiducia, se riesce a uscire viva da lì,
dopo 5 anni può affrontare la vita anche da analfabeta.



14 commenti:

  1. Divertente il tuo punto di vista da nonno del primo giorno di scuola di Bianca. Purtroppo noi non abbiamo potuto viverlo con nessuno dei due nipoti, perciò ritieniti fortunato. Anch'io sono per la 2a ipotesi riguardo al rapporto padri-figli. Qualche svista c'è però, ma rimediabile. Dovresti andare a ripetizione dalla maestra di tua nipote :D Per chi non conosce il significato di "fantioli" = attacchi epilettici :)

    RispondiElimina
  2. Ma devono essere belle le maestre per essere brave?

    RispondiElimina
  3. Bello questo racconto, anche se le bandierine...mi fanno un po' gruppo turistico oppure colonia (esistono ancora?). Ad ogni modo, credo,che il nonno abbia apprezzato molto e che scriverà parecchio su questa nuova vita della nipote :-)

    RispondiElimina
  4. Anche la Marta, la mia nipotina più grande ha iniziato la prima, era un po'spaesato, con lo zaino enorme e un po' insicura, però sorridente. Dei bambini più grandi hanno accolto i novizi e per mano li hanno accompagnati in classe. Domenica l'ho vista e mi ha assicurato che le piace la nuova scuola..
    Bello il racconto!

    Un abbraccio
    Nou

    RispondiElimina
  5. Lù, grazie per avermi indicato che ci sono delle sviste, appena ho un minuto ci dò un'occhiata.

    Amanda, non voglio dire che belli sia uguale a bravo e brutto no,
    ho timore che le bambine s'impauriscano e smettano di studiare.

    Nela San, è possibile che scriva qualcosa, dipende da cosa mi racconterà Bianca

    Nou, è un 'pezzo che non scrivi, datti da fare.

    RispondiElimina
  6. Beh...nella mia scuola tutte le maestre son carine. Che vuol dire molto sorridenti e allegre e coi capelli in ordine. Ai bambini piacciamo molto. 😊

    RispondiElimina
  7. Fammi sapere se sono anche brave
    che mando la Bianca da voi.

    RispondiElimina
  8. Ma che ci fai in piedi alle 5 di mattina?

    RispondiElimina
  9. Credo che sia un gioco tra generazioni che esiste da sempre e che forse continuerà in eterno, la storia dei padri dico. Buoni 17 anni scolastici a Bianca ( mi porto avanti) e coraggio a genitori e nonni. Sarà lunga.

    RispondiElimina
  10. Migola, commento rincuorante, grazie.

    RispondiElimina
  11. Sembra un primo giorno di scuola anche per i nonni,ed è bello perché sono i nonni a fare da ponte fra le generazioni.Io che non ho nipoti,non ho potuto evitare di ricordare comunque l'inizio di
    questa avventura,uguale,oggi come ieri.Auguri a Bianca e speriamo ti racconti tante storie che ci potrai far condividere.

    RispondiElimina
  12. Beh ricordo molto bene mio marito che diceva a mio padre e a suo padre che non potevano capire perchè erano vissuti in un'altra generazione...ora è suo figlio che gli dice che è inutile discutere perchè "tanto non può capire" perchè adesso la vita non è più così facile come lo era stata per lui. Mio marito si arrabbia. Era convinto di essere un padre modello, di poter essere un amico per suo figlio, di essere un tipo alla moda e aperto ai nuovi tempi, invece viene considerato uno che non può capire i problemi dei giovani. Insomma, la storia si ripete.
    Iin quanto alle maestre...beh, se fossero carine sarebbero più gradite ai bambini, ma a quell'età si cerca soprattutto la maestra affettuosa e un po' mamma e la bellezza non è poi così importante.
    Goditi la nipotina finchè puoi, che in terza media sarà già fidanzata! ;)

    RispondiElimina
  13. Grazie degli auguri chicchina
    Kathe, se lui non mi piace lo strozzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah! Mi sa che ti dovrai rassegnare! E poi, di solito, in prima liceo il fidanzatino si cambia eheheheh!

      Elimina

Ho una gran fiducia in tutti quanti ma sono stato costretto ad aggiungere un test di verifica. Abbiate pazienza.