martedì 20 settembre 2016

Mamma faceva la maestra d'asilo



Mamma faceva la maestra d’asilo
e a casa non c’era da sprecare niente
ha tirato su 4  figli e li ha fatti studiare tutti
anche se qualcuno non ne aveva voglia
l’unica baby sitter che avevamo era la strada
Conosco decine di madri che al pari della mia
han tirato su una famiglia con i soldi coi quali si poteva solo far la fame
eppure ce l’hanno fatta e non hanno generato delinquenti
ma bravi e onesti lavoratori.
E anche i padri che conosco si spaccavano la schiena a lavorare
e se non facevano lavori massacranti
erano brava gente che lavorava comunque per portare a casa qualcosa.
In questi giorni di metà settembre sento parlare di uno che è stato un brav’uomo,
indefesso lavoratore, onesto e perfino cattolico osservante,
uno che quando va a spasso saluta tutti e sorride alla gente.
Io capisco adesso che forse sono un po’ stronzo
perché quando vado in giro non saluto tutti e non sorrido a chi capita
saluto solo quelli che conosco e faccio un sorrisetto a chi conosco meno.
Ad essere sincero mi sarei aspettato che chi ci ha governato
come Governatore della Banca d’Italia,
come Ministro del tesoro del bilancio e della programmazione economica,
come Presidente del Consiglio dei Ministri e infine come Presidente della Repubblica
non fosse descritto come uno che ride per strada e va alla messa,
mi aspetterei competenza, qualità organizzative, capacità manageriale
e il fatto che sia una persona onesta va del tutto in secondo piano
perché ho idea che sia il requisito minimo per ricoprire le cariche di cui sopra
anche se allo stato attuale non sia cosa del tutto scontata.
E anche la Signora Franca, non voglio sminuire la sua funzione di madre,
ma mi pare che con cinquanta mila euro al mese
le ci scappava di far la madre, la zia, la nonna e anche la parente prossima e distante.
Ora io non ce l’ho col compianto Presidente Ciampi e tantomeno con la sua Signora,
ce l’ho con chi mi tratta da idiota propinandomi delle notizie cretine,
magari il parco buoi ha bisogno di sapere che abbiamo dato un pacco di soldi
a uno che se li meritava perché rideva e salutava per strada
ma a me ste notizie mi fan solo girare i coglioni
e mi fan pensare che il sistema informativo tutto intero sia composto di
frabulani venditori di fumo e anche un po’ teste di cazzo.
Signora Franca e Signor Presidente, vi prego di credermi sulla parola
non ho niente da recriminare sulla vostra vita
e neanche sugli emolumenti lordi e netti che entravano nel vostro conto corrente
e chiedo a voi, dal di qua e dal di là di non volermene
se in tutta franchezza preferisco i miei genitori.

20 commenti:

  1. Quando ti incavoli dai il meglio di te

    RispondiElimina
  2. Bravissimo, questa volta sei stato davvero grande e hai ragione da vendere! E' tanto che sono assente dal blog, come stai?
    Ciao, a presto.
    Antonella

    RispondiElimina
  3. Amanda, mi sforzo di dare il meglio sempre ma a volte capita che
    "il meglio" sia una stronzata.
    Anto, grazie, sto bene e anche io non ho frequentato per tutta l'estate,
    ho scritto sta cosa perchè m'è venuta a galla parecchio.
    gioia, no dai non ho amaro, è una amara riflessione sulla comunicazione.
    Luisa Napolitano Benvenuta signora (o signorina, non so)a me capita che sia sempre curioso di sapere come son stato trovato, comunque grazie di essere qui.

    RispondiElimina
  4. Beato quel popolo che non ha bisogno di santi ed eroi... noi non siamo beati e santifichiamo chiunque e qualunque comportamento. Siamo anche noi come quei signori che ci propinano notizie come quella che citi... tanto da essere stati contenti di aver avuto un rappresentante che, come si è detto di un tristo personaggio che ci ha governati a lungo, tutto il mondo ci invidia. (((Un mondo che ride alle nostre spalle, sciagurati noi))).

    RispondiElimina
  5. Sari, Non giudico l'operato di Ciampi,
    bene o male lo fanno cani e porci
    e io in quella mischia non mi ci metto
    perchè non so valutare tutto quel che ha fatto
    A me mi fanno arrabbiare i giornalisti
    che non ci danno una analisi di quel che ha fatto una persona
    e pensano che noi abbiamo bisogno di sapere le stupidaggini
    tanto che non guardo più il colore di un giornale
    perchè mi son convinto che sono tutti dalla parte dei ricchi
    perchè i soldi è da lì che arrivano.

    RispondiElimina
  6. Caro Massimo, hai ragione su tutta la linea!
    Purtroppo, prevale una pseudoinformazione che pensa solo a disinformarci ed a rimbambirci, perchè un popolo di rimbambiti è più facile da sellare e da portare a spasso.
    Quando poi dovesse ribellarsi, c'è sempre la cara, vecchia frusta... o il caro, vecchio manganello.
    Ripenso a quando un giornalista (Minoli) chiese a Berlinguer se fosse vero che era "triste"... come se quella fosse una domanda!
    Ma dico io, come si fa a non essere tristi in un Paese come il nostro, che santifica con ridicole motivazioni persone che per il bene comune hanno fatto ben poco, ed ignora i nostri veri grandi uomini?
    Penso a Giordano Bruno, Galilei, Beccaria, Gramsci, i partigiani (uomini e donne), Pasolini...
    Ho questa fantasia: un bel giorno la nostra bellissima tv fa un programma su Leonardo da Vinci e fa il botto... perchè pensano tutti che si tratti di un giocatore brasiliano!
    Scusa la lunghezza, ma mi giravano.

    RispondiElimina
  7. Riccardo Uccheddu, non so come mi hai trovato
    e a dire la verità sono curioso di saperlo,
    comunque grazie di essere passato di qua,
    adesso vado a cvedere in casa tua.

    RispondiElimina
  8. Non ricordo come ti ho trovato, non posso ricordare tutti i click che mi accompagnano quando navigo in rete. Ti incazzi perchè la politica è un lavoro mal eseguito e troppo remunerato? Rifletti sulla dimensione esitenziale delle nostre madri e dei nostri padri che non ridevano a tutti e salutavano solo pochi? Giustissimo e forse sterilissimo. Però lo hai detto bene, ti appoggio con un cenno del capo però gli altri, che vedo citati qui, gli altri popoli, quelli civili, onesti, perfetti, moderni, giusti e organizzati a me non sembrano poi così avanti. Siamo noi a sminuirci sempre, a guardare un Eden che non c'è a flagellarci davanti al consesso di un'Europa che scheletri nell'armadio ne ha più di noi. Salutiamo

    RispondiElimina
  9. Massimo, anch'io come Enzo, non ricordo la dinamica dei click; ma mi pare d'averti trovato da Nina.
    Grazie per esser passato da me, ti risponderò presto.
    Ed a proposito: a presto.

    RispondiElimina
  10. Nucci, io scrivo, anzi scrivevo, anche qui.

    RispondiElimina
  11. Enzo, non voglio entrare nel discorso politico,
    ho voluto solo fare un commento sulla comunicazione che ci viene propinata dai media,
    è possibile che certe pensioni siano rapportate ai contributi versati,
    (francamente una pensione 50 volte superiore a una pensione media la trovo un po' eccessiva)
    semmai ho insistito anche sul fatto che una volta si viveva anche con poco
    e c'era la capacità di farselo bastare.
    Sognare un eden rientra nella nostra ricerca ( a volte vana) della felicità
    e probabilmente l'eden che cerchiamo noi è più bello di quello che cercano gli altri
    forse perchè viviamo in un eden, l'Italia che è già bellissimo del suo.

    Riccardo,
    a presto.

    Nessuno,
    dicendo "scrivevo" vuoi forse dire che non scriverai più? :-))

    RispondiElimina
  12. No intendo dire che per ora mi sono fermato: ho scritto come un forsennato per quasi dieci anni in rete, poi il meccanismo, soprattutto relazionale, si è rotto. quindi riscrivo, limo, ripubblico e mi dedico di più alla ricerca e lettura di altri come te.

    RispondiElimina
  13. Caro Massimo, qui da te si casca sempre bene
    A vevo fatto un commento con i fiocchi qualche giorno fa, proprio uno di quei commenti che riuscivo a mettere insieme una volta, prima di ossidarmi le meningi, ma un clic me lo ha fatto sparire e non riuscirò più a ripetermi. Allora da ossidata ti dico che condivido le tue osservazioni. Chiunque farebbe fatica a rinunciare ai soldi che ti danno "per legge" ma sinceramente è una elargizione indegna e indignante.
    Un abbraccio
    Nou

    RispondiElimina

  14. Nessuno, recepito!
    Ciao Nou, Condivido la condivisione. Ciao.

    RispondiElimina
  15. No intendo dire che per ora mi sono fermato: ho scritto come un forsennato per quasi dieci anni in rete, poi il meccanismo, soprattutto relazionale, si è rotto. quindi riscrivo, limo, ripubblico e mi dedico di più alla ricerca e lettura di altri come te.
    Putlocker

    RispondiElimina
  16. Ciao Paolo, anch'io avevo smesso di scrivere sul mio blog presa da un sacco di impegni e distratta da FB, perciò mi era sfuggito questo tuo nuovo post che finalmente posso commentare a differenza dei 2 precedenti. Anche se Ciampi forse è stato uno dei presidenti della Repubblica che ricordo con maggior piacere condivido la tua incazzatura riguardo alla sproporzione fra i suoi emolumenti, quelli della sua vedova e quelli sudati dei nostri genitori che hanno contribuito alla rinascita della nostro paese nel dopoguerra. Concordo con chi ha scritto che è uno dei tuoi post migliori e spero di leggerti ancora presto

    RispondiElimina
  17. Si avvicina il Natale e io lascio qui tanti auguri per te, per quel che ti preme e per la tua famiglia. Buon Natale Nucci.

    RispondiElimina
  18. Ciao Palin!
    Credevo tu ti facessi un giretto da me, invece lo faccio io da te: fa lo stesso!
    Un abbraccio carissimo, sperando che tutto stia bene.
    Buone Feste!
    Nou

    RispondiElimina

Ho una gran fiducia in tutti quanti ma sono stato costretto ad aggiungere un test di verifica. Abbiate pazienza.