domenica 1 marzo 2015

Le ultime primarie



Mi sarebbe piaciuto continuare a farlo
ma era ora di passare la mano
e sì che non era un incarico importante
ma ho creduto che fosse ora
sia per lasciare il posto a un ragazzo
sia perché fosse di esempio a qualcun altro che ancora sta attaccato alla sedia.
Son certo anzi sicurissimo che la cosa non sarà di esempio a nessuno
ma ho deciso così e mi pare sia giusto.
Al partito mi hanno chiamato per chiedermi di fare ancora
il presidente del seggio per le primarie per la scelta del candidato
alla elezione alla presidenza della regione
e ho detto di no per le ragioni di cui sopra.
Quando sono andato a votare c’era qualcuno dei “miei” scrutatori
ma anche ragazzi “nuovi” che mi hanno accolto allegri
ho depositato la consueta crostata (forse erano allegri per quella)
ho fatto la mia croce e versato i cinque euri e me ne sono andato contento.
Francamente non ne posso più di gente che sta col culo attaccato alla sedia,
di chi pontifica di lavoro senza aver mai lavorato neanche un minuto,
di quelli che non si espongono mai credendo di fare l’eminenza grigia
e neanche di quelli che fanno finta di essere intelligenti.
Abbiamo perso le elezioni amministrative e qualcuno degli artefici della sconfitta
sta ancora seduto tra i consiglieri comunali o nella segreteria del partito
tutti aggrappati a una sedia che non conta niente
non hanno altro interesse che quello di stare in cattedra
confabulando di cose a cui nessuno bada più.
Non ho più voglia di stare in questo partito popolato di gente che porta soldi in Svizzera,
che non ha ancora capito che siamo un Paese senza,
senza di tutto, lavoro, voglia di fare, figli, e soprattutto speranza,
loro vivono in un mondo diverso e vanno in televisione a dirci cosa fare.
Ho già detto al nuovo segretario che la prossima tessera non la prenderò
e a dire la verità mentre scrivo qui mi pare di essermi liberato di colpo
di tutti quei parassiti che vedevo alle riunioni.
Grazie di aver letto e sopportato lo sfogo.

22 commenti:

  1. Me l'aspettavo, magari già qualche anno fa, ma sempre meglio tardi che mai.

    RispondiElimina
  2. sono sempre i migliori che se ne vanno :D :D :D
    via le mani da dove le hai messe!

    RispondiElimina
  3. beyk happel, non me l'aspettavo io
    amanda, avevo le mani sulla tastiera, giuro!

    RispondiElimina
  4. Ciao Massimo, che dire? Mi spiace, mi spiace perchè so quanto la delusione politica fa soffrire. Ma hai ragione siamo un Paese senza, soprattutto senza una vera politica e senza veri politici.
    Anche tu li chiami " I miei scrutatori ", anch'io, ed in effetti è così, alla fine diventano un po' nostri.
    Ciao, e grazie di essere passato da me.
    Antonella

    RispondiElimina
  5. Se ti può consolare, nel paese dove abito, non solo ci sono baroni che ancora presiedono gli stessi posti da secoli, sopravvissuti a restyling fra falci-e-Martelli, margherite, ulivi, DS e PD, ma alcune facce, alla faccia dell'alternanza, sembrano ricoprire nomine, trasmettendosele, come ancora fossimo al tempo dei feudi. La politica è regredita a un lungo e buio Medioevo e noi non abbiamo nemmeno più un Berlusconi a giustificare il famoso "se non ora, quando" per tentare di cambiare qualcosa. Ammiro comunque il gesto che hai fatto.

    RispondiElimina
  6. Anto, si, fa un po' male ma è stata anche una scelta serena,a un certo punto capisci che è ora e basta.
    Nela, e pensare che ero convinto che dalle tue parti ci fosse fattivo rinnovamento nelle cariche,
    forse invecchiando comincio a sognare il mondo che avrei voluto.
    Ciao ragazze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace deluderti, caro Massimo, ma vivo nel paese natale degli Errani brothers (sì,proprio quello della Regione e l'altro dello scandalo Cantina Cooperativa) e sai chi abbiamo avuto per due volte come sindaco? La nipote.

      Elimina
    2. Pare proprio un male comune alle sinistre e alle destre
      quello di credere che i propri consanguinei siano i migliori,
      devo essere rimasto solo io a credere di aver generato due normalissimi testa di cazzo.

      Elimina
    3. Era ora che anche tu smettessi di sognare un partito che non c'è Comunque non sei rimasto il solo a credere di aver generato TDC io ti faccio compagnia anche se ne ho generato solo uno che vale per 2 :) E adesso cambia la tua vita sulla tua bellissima nuova barca a vela come i tuoi amici

      Elimina
  7. :D il titolo giusto a questo post era : Risvegli !
    Però la prossima volta che torni ai seggi, trattandosi di scuole (ci sarà forse ancora qualche lavagna!), potresti scrivere? :
    " Anche sul più alto trono del mondo, non siamo seduti che sul nostro culo." Michel de Montaigne
    Veramente a tutti questi attaccati al posto, su ogni loro sedia ci scriverei anche un bel "memento mori" così per facilitare una sorta di consapevolezza che manca...

    RispondiElimina
  8. Lù e Janas, bel gusto girarmi il coletello nella piaga!

    RispondiElimina
  9. Sogno un giorno in cui nessuno vorrà rinnovare la tessera. Per far rigare diritto il partito, occorre toccarlo in quel punto sensibile (l'unico) che è il portafoglio. Rinsavirebbero, gli sventati.
    Ciao

    RispondiElimina
  10. Anche i miei figli TDC stanno pagando la mancanza di una vera politica di equità, equilibrio,difesa dei diritti sociali. Noi genitori anche TDC non abbiamo saputo dire dei NO necessari. Ieri l'altro mi sono incazzata di brutto con una ex collega che non conosceva altro che vincitori di concorsi di qua e di là enti e amministrazioni pubbliche, che godono Ncora delle conquiste prodotte dai miei/nostri scioperi-che vorrei ricordare sono costati una cifra-di cui hanno beneficiato anche i crumiri-furboni-che quando li incontro ho ancora voglia di sputargli addosso . Che dire per non trascendere oltre :tutto vano! Tutto vano per la maggioranza dei nostri figli che hanno davvero un vivere da panico. E meno male che noi pensionati siamo ancora in vita e percepiamo la pensione che automaticamente passa a sostegno della loro precarietà.
    .Abbiamo dato a questa società dei figli istruiti e rispettosi,siamo sempre stati noi stessi rispettosi ma le istituzioni non sono all'altezza del loro compito . Solo una parte di società scialacqua e l' altra soffre una forte ingiustizia. Non sto parlando di grandi rivendicazioni ma di un decoro e di una tranquillità di vita.
    Il mondo è molto cambiato, davvero.
    Un abbraccio
    Nou

    RispondiElimina
  11. Ciao Massimo, tutto bene? Sono passata per lasciarti i miei auguri di buona Pasqua, a presto.
    Antonella

    RispondiElimina
  12. Grazie Anto, auguri in parecchio ritardo anche a te,
    usali per un'altra occasione,
    gli auguri son sempre buoni.
    Ciao.
    Ciao Silvia,
    ho passato periodi migliori ma ancora me la cavo
    è un tunnel in cui non si vede la luce
    fortuna che mi son portato la pila della speranza.
    Ciao.

    RispondiElimina
  13. tunnel?
    problemi di salute?
    spero risolvibili, tienimi aggiornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si tratta di salute cagionevole ma di grandissimo scoglionamento famigliare.

      Elimina
    2. Oh signore
      Mi hai fatto preoccupare inutilmente <3
      Ecco a cosa serve la barchetta!
      Me la presteresti all'occorrenza?

      Elimina
  14. In questo momento è più vicina a te che a me.

    RispondiElimina

Ho una gran fiducia in tutti quanti ma sono stato costretto ad aggiungere un test di verifica. Abbiate pazienza.