domenica 5 maggio 2019

Pato


“Vale, io quello lo conosco, chi è, lo sai?”
“Certo, é Pato, ti ricordi di Pato?”
“PATO”
lui si gira e mi viene incontro e ci abbracciamo
“Ho riconosciuto la voce, sei quel monello di Numa,
ti ricordi che chiamavi tutti monello?”
Con la Valeria non si parla più da un pezzo di ricordi,
ci vediamo spesso, quando non sto bene a casa vengo a Verona a trovarla
ma con Pato che non ci si vede da una vita è diverso,
ci ricordiamo i pomeriggi passati al “Botegon del vin”
in fondo a via Mazzini e le corse nella pista  delle automobiline dietro l’arena.
Si chiamava (e per fortuna si chiama ancora) Patrizio Costi
e era della sezione A ma eravamo spesso insieme,
lui veniva nella nostra classe perché stava meglio con noi,
a scuola tutti lo chiamavano Pato,
era il nome che gli avevamo affibbiato io e Vecchietti
ma pochi sapevano il perché e quando il prof. di matematica Silipprandi
(detto Liutprando re dei Longobardi e d’Italia)
gli chiese il motivo di quel soprannome
credendo che fosse l’abbreviativo di Patrizio, lui rispose
“Perché cago poco prof.”
Lì per lì il Liutprando, ci rimase un po’ male
ma poi cominciò a ridere e non si fermava più
roba da rotolarsi sulla cattedra ripetendo di continuo
“Costi Pato… Costi Pato … Costi Pato
Chi cavolo t’ha messo sto soprannome di merda?”
“Quei due stronzi prof”.

19 commenti:

  1. Tutto coordinato, preordinato ... Bricconcelli!!! :-) )

    RispondiElimina
  2. Ahahah
    Che belli i soprannomi.
    Ma per un attimo ho pensato avessi incontrato il calciatore.. Chissà se il tuo amico, nel frattempo, ha risolto i suoi problemi intestinali. Ahahah 😜
    Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la cosa riveste una importanza professionale glielo posso chiedere :-))
      Ciao.

      Elimina
  3. Un soprannome così...costi quel che costi!
    :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infondo Pato non è un soprannome brutto, i guaio avviene quando lo abbini al cognome. Ciao.

      Elimina
  4. A sentirti raccontare, devi aver vissuto mille e ancora mille avventure.Ho letto qualche altro post che avevo trascurato,e trovo la stessa passione per i ricordi,e l'amicizia che dura oltre gli anni...Ma oggi che tutti vivono di corsa,avranno ancora ricordi fra qualche anno?una buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho avuto la fortuna di non perdere amici per strada ma anche quelli che vedo poco li ho sempre accanto. Ciao

      Elimina
  5. Passo per un saluto. Buona notte!
    Gli amici sono una grande risorsa per il mio benessere emotivo e non posso pensare di allontanarmi da nessuno di loro.

    RispondiElimina
  6. ahhahahahahah divertente! CErto che anche il prof, poverino,
    di ironia ne ha! ahhahaahah



    RispondiElimina
  7. Patricia molly Clapton era la mamma di Erick.
    Ciao Patricia, benvenuta.

    RispondiElimina