martedì 30 settembre 2014

Giorgio

Anche Giorgio l'altro ieri se n'è andato
probabilmente era stanco e non voleva altre mutilazioni
la moglie gli ha messo un rosario tra le mani e un libretto della madonna nella cassa
lui era ateo e quando l'ho visto così lei s'è precipitata a giustificarsi
per paura che sbottassi qualosa,
son stato zitto anche se lui lo vedevo più incazzato di me
L'ho sentito, m'ha detto "Digli qualcosa, fammi togliere sta roba di torno"
"Lo dici a me? dillo a lei che te l'ha messa"
"E' tutt'oggi che glielo urlo ma non capisce, levamela te"
"Sarai matto Giò, non ho nessuna voglia di litigare con tua moglie
ne ho già abbastanza della mia.
Senti, prendila come un brodino di pollo,
forse non farà bene, ma male non fa sicuro.   
Ciao Giò"

14 commenti:

  1. Ciao Giorgio un abbraccio per te, speriamo che quel rosario imposto serva almeno a lenire un po' il dolore di quella donna

    RispondiElimina
  2. Un abbraccio e un pensiero di vicinanza. Purtroppo in questi anni peggiori dobbiamo sopportare anche la perdita degli amici più cari.

    RispondiElimina
  3. Un saluto a chi se n'è andato e una carezza a chi gli ha voluto bene in vita, soprattutto a quella moglie che non volava fargli un affronto ma un ultimo regalo.
    Bella la chiusa del brodino... ma tu sei un gran narratore.
    Ciao.

    RispondiElimina
  4. E' successo anche a me di vedere simili stonature: rosari fra le mani di chi mai se ne sarebbe servito. Forse però servirà ora come lasciapassare per il Paradiso.
    Paola

    RispondiElimina
  5. Spero che nessuno mi faccia un torto simile. E' una grossa presa in giro. Se ci fosse un Dio si incazzerebbe pure lui. Ciao.

    RispondiElimina
  6. quando tutte le beghine del paese sono venute a recitargli il rosario, per fortuna papà era già morto.

    RispondiElimina
  7. però il rosario non gliel'ha messo in mano nessuno, e abbiamo rispettato le sue volontà rispetto alla sepoltura

    RispondiElimina
  8. Mi piace il tuo modo ironico di trattare anche argomenti dolorosi, come la morte di un amico. Sono d'accordo con te che la corona del rosario tra le mani male non abbia fatto a Giorgio. Chissà quale sarà stato il suo ultimo pensiero prima di chiudere gli occhi per sempre. Me lo son chiesta sempre anch'io a proposito della morte improvvisa del mio babbo, mangiapreti impenitente che l'unica volta che ha messo i piedi in chiesa è stato per il suo,il mio e il matrimonio di mio figlio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero quello che dici: non conosciamo l'ultimo pensiero e forse ci sorprenderemmo molto. Un saluto.
      Paola

      Elimina
  9. Amanda, neanche la moglie era credente, m'han detto che ha fatto così per non fare una cosa che fosse diversa dal normale e sollevare qualche critica. Capisco che ci sono dei momenti in cui non si è esattamente presenti e questo per lei è uno di quei momenti.

    Nou, Giorgio m'era caro davvero e in questo periodo non sono mai andato a trovarlo consapevole che lui non avrebbe voluto farsi vedere nelle condizioni in cui era.

    Sari, non credo che sia un regalo ma una penosa prevaricazione. Quella del brodino è una cosa che dico di frequente.

    Censorina, a Giorgio del paradiso poco gliene importa, pur di stare in una biblioteca starebbe bene anche all'inferno.

    Teresa, finalmente! "Dio si incazzerebbe se davanti a un campo di fiori non si provasse nessuna emozione"
    da "Il colore viola" di Spilberg

    Silvia, le beghine, mi piace dà l'idea di piccole (dentro e fuori) donne dedite al ciarliccio con la corona in mano.

    Oh Lù (Luigina) con Giorgio l'ironia era d'obbligo. Se ti dico quale sia stato il suo ultimo pensiero mi date del maschilista, resta col dubbio che è meglio.




    RispondiElimina
  10. C'è gente che pensa di far del bene mancando di rispetto agli altri.
    Cristiana

    PS.Nota cambio del mio indirizzo.

    RispondiElimina
  11. Gesti che servono più che altro a fornire un surrogato di consolazione a chi ha subito una perdita. Io sono credente, ma non credo nel potere degli oggetti e delle immaginette....però capisco.

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  13. Due anni fa è morto un mio carissimo amico e lo abbiamo salutato con una cerimonia laica. E' stato il miglior accompagnamento che potessimo fargli, rispettando non solo il suo pensiero ma tutta la sua vita (e la sua morte).

    RispondiElimina

Ho una gran fiducia in tutti quanti ma sono stato costretto ad aggiungere un test di verifica. Abbiate pazienza.