martedì 15 luglio 2014

A pera



Da quei primi anni settanta non ho più rivisto Marco
le nostre strade si son divise e non abbiamo più avuto modo di incontrarci
ma il ricordo di una profonda amicizia fatta di cazzate e goliardie
è sempre rimasto vivo.
Eravamo giovani e avevamo una gran voglia di divertirci
e lo facevamo con tutto quello che ci capitava di farlo.
Lui era figlio di un bolognese che, tornato dal Venezuela,
aveva comprato una cava di breccia che gli rendeva alla grande
e Marco lavorava lì  (si fa per dire)  anche se andava all’università
( e anche questo  si fa per dire).
La sera mi veniva a prendere e si partiva,
in inverno s’andava al Black & White dove c’erano le universitarie,
in estate s’andava in riviera da Fano a Rimini.
Di solito eravamo solo io e lui ma alle volte si aggregava anche Sandro
e allora si faceva un salto a Bologna a prendere il caffè
è vero che sono cento chilometri
ma a noi piaceva stare nella macchina a dire stupidaggini
a ascoltare la colonna sonora di Shaft
o a programmare improbabili futuri con la vincita di una schedina
che a dire la verità non giocavamo quasi mai.

A volte, la sera dopo cena, s’andava a Rimini a vedere le zoccole,
Marco aveva una 124 spider e toccava guidarla a me 
perché così lui stava dalla parte del marciapiede e riusciva a vederle da vicino.
Si faceva un primo giro per una rassegna generale
e poi il secondo per andare da quelle scelte,
Marco le chiamava e dopo due chiacchiere gli chiedeva di tirare fuori le tette
Quelle erano un po’ restie ma poi cedevano e le mostravano
“Oh Marco senti un po’ come sono”
Lui provava a allungare le mani ma loro lo stoppavano
“Guardare ma non toccare”
“Ma dai, me l’ha detto lui di sentire come sono che fastidio ti dà?”
Dopo una paio di palpate arrivava il responso che poteva essere
“Budino” ,“Gelatina”,” Camera d’aria gonfia/sgonfia”, ”Ovo sodo”, “ Sasso”…
Ogni volta una definizione diversa che ho idea che le studiasse durante il giorno alla cava del padre.
Poi per la forma c’era  “Coppa”, “ Tegamino”, “Mezza anguria/melone/arancia/melina”
“Melanzana” (me lo diceva piano sennò quella s’incazzava)
“Insalata riccia” che non ho mai capito come fosse ma doveva essere una faccenda vibrante”
“A pera Marco, ce l’ha a pera?”
“No, a pera no”
“Allora niente, scusi signorina, le cerchiamo a pera, ci dispiace arrivederci”
E via di corsa.
“Andate a palparle a vostra sorella teste di cazzo!”
Ci urlavano dietro montagne di insulti aiutate anche dalle altre
che una occasione simile per insultare i mancati clienti non se la facevano scappare.
Una sera che guidava lui,  si fa il solito giro
ma quando è ora di partire alla svelta la macchina tossisce e si spegne
lui la rimette in moto subito ma la signora  è più veloce della luce
e con una scarpa in mano comincia a picchiarmi
le altre si aggregano e mentre finalmente riusciamo a scappare
ci arriva in macchina di tutto, sassi, bottiglie e anche un tizzone acceso
che a momenti ci manda a fuoco i sedili.
Una sera d’estate però quelle a pera le abbiamo trovate
“ Ci andiamo?”
“Marco, lo sai che io a zoccole non vado”
“Manco se le ha a pera? E’ un anno che le cerchiamo e adesso ti tiri indietro?”
“Aspetta che ci parlo”
Dopo lunga trattativa la signorina sale in macchina e la porto sul lungomare.
Abbiamo fatto una camminata sulla spiaggia di almeno un paio d’ore
con lei tra noi a seno scoperto e noi a ridere come scemi,
in principio quando incontravamo qualcuno si copriva con le mani
ma poi ci deve aver preso gusto e stava con la schiena dritta
che pareva che con quelle due pere volesse sparare addosso alla gente
e rideva anche lei, felice forse per aver trovato qualcuno che non la volesse solo per cinque minuti.
Era il ’74 e le abbiamo dato 15 mila lire a testa che erano  la mia paga di un giorno
per Marco invece erano solo quei 2 minuti che servivano a sfilarli dal cassetto dell’ufficio.
L’abbiamo riportata al suo posto di lavoro e prima di partire ci ha dato un bacio a testa
e poi mentre la macchina si allontanava ci ha urlato dietro:
“Tornate, tornate”.


27 commenti:

  1. ma allora esistevano davvero non li raccontava solo amici miei

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho postato un messaggio e blogspot me ne ha fatto apparire due, ne ho cancellato uno e ora dice che era solo uno e l'ho cancellato io?
      Vabbeh...
      Il messaggio comunque diceva:

      Perchè a pera?!?

      Elimina
    2. Non l'ho cancellato io,
      lo leggo solo ora
      che son stato tutto il giorno coi ragazzi dell'associazione.

      Elimina
    3. Si si, do la colpa a blogspot, mica a te.
      Però non hai risposto alla domanda...

      Elimina
  3. Maschi! Se non sono scostumati non son loro.
    Ciao.

    RispondiElimina
  4. Beyk happel, perchè non le vedi mai, sono rare e incuriosiscono.
    Sari non credo di esserescostumato, quella volta andava così
    e poi io non lo sono, anzi credo di essere anche un po' riservato.
    Ciao a tutti due.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. comunque ...a me il racconto piace, :D siete quasi teneri.. quasi...

      Elimina
    2. si è perso pure un' altro mio commento ...e vah beh..conteneva un immagine che non bisogno essere preparati per vederla ..sei abbastanza coraggioso? Il mondo è bello perchè è vario, a pera ...o: https://fbcdn-sphotos-h-a.akamaihd.net/hphotos-ak-xpf1/t1.0-9/p261x260/10559677_780732931969350_7364859917776761890_n.jpg

      Elimina
    3. mi correggo "che bisogna essere preparati" ..
      comunque a cagnolino sono piu' rare di quelle a pera ;)

      Elimina
    4. Janas, non mi pare si sia perso niente.
      A bassotto saranno anche più rare ma...
      comunque la signora le porta bene ed è felice
      dimostra anche grande capacità di ridere di sè
      che non è da tutti.
      Ciao Janas.

      Elimina
  5. questo episodio mi è proprio piaciuto....dai ...che in fondo eravate due bravi ragazzi e chissà quanto avrà sperato la "signorina" che tornaste, sarà stata una sera bella anche per lei....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male che arrivi te,
      Sari m'aveva quasi convinto che ero scostumato per davvero.

      Elimina
  6. e leggendoti ho riso a mille .... ,sto leggendo tutto i tuoi post, mi diverto e mi commuovo... bellissimo e divertente ciò che scrivi e, soprattutto, intrigante!. Poi ho letto il tuo profilo e allora ho ceduto le armi .......ed ho capito il perchè della sintonia e del feeling che ho provato! cavoli, quando ho letto " Pesaro-Urbino"mi si è fermato il cuore e sono tornata a casa. Io abito a Genova ma le mie radici sono lì, nelle mie meravigliose Marche ed in quella meravigliosa provincia, dove sono nata, dove ho le radici, dove vorrei tornare vivere, dove ho una casa meravigliosa (..veramente è della mamma)e dove sento che tutto è piu' bello! Sai quando si dice Il paradiso perduto?Per me è la terra promessa, le mie colline, il mio verde! GRAZIE, che me le haii buttate addosso! Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SARIII dammi un pizzicotto che questo è un sogno!
      Ciao Emanuela, questa è una delle grandi soddisfazioni che si ricevono dai blog.
      se proprio vuoi mandarmi in brodo di giuggiole
      commenta pure anche il resto.
      Ciao e grazie per l'apprezzamento.

      Elimina
    2. Ma certo che è un sogno, Paolo... niente pizzicotto, continua a sognare. :)))))))))

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  7. Sai, ripensando a quel che hai raccontato, mi sono tornati in mente quei tempi e i commenti di cui eravamo oggetto noi ragazzine. I giovanotti passavano sgassando sulle loro vespe e voltandosi sui sedili per guardarci, commentavano burlescamente o facendo quel suono con le labbra che chiamavamo "tirini". Quante volte han rischiato di sbandare! Erano sempre in coppia... quando erano soli erano meno spavaldi.
    Sono cambiati, da allora, i ragazzotti? Sì ma non in meglio.. ora fanno di nascosto cose terribili e usano mezzi moderni che peggiorano la situazione e portano alla disperazione le povere vittime.
    Ciao

    RispondiElimina
  8. allora...non ho un blog, ho iniziato a " girare" da un po' ed ho scoperto il tuo, del quale mi sono innamorata! Spero non ti dispiaccia.Così oggi, dato che il tempo e brutto e, quindi, niente mare, dopo aver cucinato per i miei figli che, in questo momento, sono di passaggio qua ( adoro cucinare) , dopo aver fatto una bella passeggiata con la mia nipotina pelosetta a quattro zampe, dopo essere riuscita a " rubare" due piante che fuoriuscivano dalla rete di un giardino........sono seduta al P.C. ed ho praticamente letto tutti i tuoi racconti: GRAZIE!!!! Ho ritrovato emozioni, sensazioni, nomi di luoghi conosciuti, feste dell'Unità (e ...coniglio in porchetta, mamma mia che voglia!), miei ricordi di persone che credevo di non ricordare più, nascosti dentro e, poi soprattutto, ho ritrovato la voglia insopprimibile, anche quella ultimamente accantonata, di scrivere!
    Se non ti dispiace passerò spesso a leggerti. Emanuela
    P.S. mi fai pensare a Fellini....

    RispondiElimina
  9. Ciao Emanuela, ce ne sono almeno un paio che hai preferoto?
    Tanto per fare il confronto con le preferenze degli altri lettori.
    Non credere, non scrivo spesso, anzi, ultimamente poco un bel po'.
    Ciao.

    RispondiElimina
  10. non so se a te capita, ma a me succede che, quando inizio a leggere un libro che mi piace e mi prende molto, vado come un treno per arrivare alla fine! Certo,non si tratta di voler sapere " come finisce la storia", è proprio un'urgenza quasi fisica di " immergermici". Poi, con calma, lo riprendo in mano, assaporandone ogni singola parola. Con i tuoi " racconti" mi sta succedendo lo stesso . Non posso perciò ancora dirti quale ho preferito, non ancora, almeno. Me li sto gustando poco alla volta.....approfittando del fatto che il PC è libero.....vedi figli fuori casa! Un abbraccio Emanuela

    RispondiElimina
  11. Luigina, non ho capito perchè hai tolto il commento,
    avevo visto che era stato postato ma quando son venuto a vedere non c'erapiù niente
    se vuoi lo metto io che ce l'ho sulla posta elettronica.
    Comunque ben tornata dalle vacanze che magari saranno state un po' umide
    ma lì dove vai te è sempre bello.
    Ciao.

    RispondiElimina
  12. Ti leggo arrivando, per altri strani chimismi, da un altro angolo di blogosfera che avevi intaccato.. è un bell'accomodarsi questo leggere di altri tempi, soprattutto in altri modi, garbati e curiosi. Bentrovato!

    RispondiElimina
  13. Ciao Franco,
    grazie per il commento,
    quando ho tempo vado in giro per il web a leggere quel che racconta la gente,
    non sempre aggiungo un commento
    ma spesso trovo bei racconti e cose coinvolgenti
    tanto che ho quasi smesso di leggere libri
    perchè questa vita raccontata da chi la vive
    la trovo molto meno romanzata e più interessante.

    RispondiElimina
  14. Ciao Massimo
    qualcuno ha parlato dell''atmosfera felliniana che si respira nei tuoi racconti e in questo in particolare.
    Sottoscrivo anch'io e apprezzo la tua sana, schietta e sincera mancanza di ipocrisia (ho trovato falso e truffaldino il cosiddetto politically correct fin dal suo esordio).
    con simpatia Nina

    RispondiElimina
  15. Comunque succede qualcosa di strano nello spazio commenti: vengono collocati a capocchia disordinatamente

    RispondiElimina
  16. No Nina,
    mi pare che siano tutti in fila
    e comunque se fossero in ordine random
    sarebbero quasi come me.
    Grazie del commento e soprattutto grazie di essere tornata.

    RispondiElimina

Ho una gran fiducia in tutti quanti ma sono stato costretto ad aggiungere un test di verifica. Abbiate pazienza.