lunedì 18 febbraio 2013

Spipinata alla grandeur



Massi era un misto tra nome e cognome, era più grande di noi di qualche anno,
un ragazzone che era un po’ infantile, ma noi ci stavamo bene insieme
e in fondo a noi senza patente ci scarrozzava sempre con la sua mini cooper rossa.
Una sera si presenta al bar dicendo di avere una novità segretissima,
ci carica sulla macchina me, il Bociolo e un altro che non ricordo
e si va fuori dal paese, verso il podere del padre.
Il podere è dismesso da un po’ e il padre non lo fa lavorare
perché fa l’impresario e c’ha i cantieri in giro.
Noi qualche volta ci andiamo a fare delle spaghettate a mezzanotte,
non è distante, ma nei dieci minuti di strada ci spiega che una ragazza francese
ha chiesto al padre se le affittava la casa e il padre gliel’ha data.
Andiamo a vederla, perché ne vale la pena, ma la cosa deve restare segreta.
Appena arrivati scendiamo speranzosi di fare una nuova conoscenza
ma scettici perche Massi non dà molto affidamento.
Lui bussa e apre a destra e sinistra due porte e davanti una rampa di ripidi scalini
“Sono Massi”,
“Sali Massì (con l’accento sulla i)”
Lui sale, ride, girato verso di noi e il Bociolo dietro.
Faccio giusto in tempo  a prenderlo per la cinta dei pantaloni
“Ha detto sali a lui”
“ Ma dici che si offende se vado su anch’io?”
“Che ne so, è francese…”
“Embè le francesi non si offendono mai!”
“Che cazzo ne sai te?”
“Testone, vengo dall’Argentina o no?”
E’ tornato in Italia a quattro anni e ogni volta che vuol far credere che sa qualcosa dice:
“Vengo dall’Argentina o no?”
Ricomincia a salire mentre Massi si affaccia alla porta a ci dice di aspettare lì.
Dopo un po’ scende e mi fa: “Quanti soldi hai?”
Mi rovisto nelle tasche, tiro fuori una carta da cinquecento e un po’ di spicci,
a occhio e croce mille lire,
“Te?” il Bociolo tira fuori un mille e un po’ di spicci.
Insomma Massi prende i soldi da tutti tre e sparisce dentro,
cinque minuti e esce “Tocca a te” vado dentro e vedo una bonazza
che esce da dietro la tenda del bagno (si fa per dire) mezza nuda e si avvicina al letto
“Vuoi stare con me?”
Ho idea che non abbia finito la frase che avevo già i pantaloni alle caviglie
“Il preservativo l’ha preso?”
“Non sapevo manco che serviva”
mi avvio alla porta coi pantaloni sempre laggiù
che per poco non c’inciampo e le mani davanti a coprire le vergogne.
La porta è socchiusa e loro tre mi stanno guardando
“ Oh Massi ma il preservativo?”
“Fattelo dare da lei che dopo la paghiamo”
Torno e lei è lì che sgranocchia noccioline
Comincio a darmi da fare, ma con una che mangia noccioline non è facile
dopo un po’ da dietro la porta  cominciano a arrivare le voci
“Allora? Ti muovi?!”
Finalmente finisco, esco io e entra il Bociolo,
si sente un po’ di trambusto e poi lei che fa un sospirone.
Ci affacciamo alla porta e si vede il Bociolo a culo nudo
sollevato sulle braccia come facesse le flessioni
che la guarda fisso in faccia e le dice: “Dici davvero o mi prendi per il culo?”
Per poco non cadiamo dalle scale dalle risate, ma il rumore di una macchina ci blocca
e Massi che fa : “Mio padre!”
Ci precipitiamo giù dalle scale ma sulla porta c’è già lui
“Cosa ci fate qui teste di cazzo e te imbecille, se ti rivedo da queste parti ti levo la macchina,
andate a casa che ancora ve la fate addosso”
Ci tuffiamo dentro la Mini e si fa per partire quando da dietro casa arriva il Bociolo
“Ma da dove vieni?”
“Ho saltato la finestra”
“Sei caduto sulla letamaia”
“Si ma era secca”
“Il cervello c’hai secco te, senti che puzza di merda!”
“Massi, ma alla fine te mica l’hai pagata”
“Si, ma te hai fatto lo stesso”
“Va bene ma adesso mi ridai i soldi, mica l’ho fatto con te”
“Quanto mi hai dato?”
“Io mille e cinque e lui mille e otto”
Ci ridà i soldi senza fiatare,
(“vaffanculo se lo sapevo gli chiedevo di più”)
“Domani sera torniamo!”
“E tuo babbo?”
“Domani non c’è, il mercoledì sta fuori”
“Ma portate più soldi, mica è morta di fame! E poi ci vorrebbe un regalino: è sempre una francese!”
La sera dopo si replica, ci presentiamo al bar lucidi impomatati che tutti ci guardano.
Qualcuno ci chiede dove andiamo “Da nessuna parte”
si sale in macchina e si parte. Consegnamo i soldi
“Oh non fare lo stronzo, daglieli! ”
“Il regalo lo avete portato?”
“Ce l’ha il Bociolo, ha detto che ci pensava lui”
“Cosa gli hai preso?”
“Una busta con le noccioline”
“Che cazzo di regalo è? mica è una scimmietta!”
“Ma lei piacciono e allora… le ho prese dalla bottega di babbo”
Tutto fila liscio e le noccioline sembrano gradite,
torniamo al bar felici come passeri nel granaio.
“Da dove venite?” son tutti lì che ce lo chiedono e Massi
“Una spipinata alla grandeur! Che cazzo volete capire voi?!
Oh mi raccomando silenzio! Io ve lo dico ma mosca è?”
E giù che racconta con una sfilza di dettagli che nella fretta forse m’erano sfuggiti
o forse sta inventando una montagna di cazzate e noi che confermiamo tutto.
La sera dopo si aspetta che la macchina del padre
parcheggi al solito posto in piazza, ma non arriva mai,
finalmente verso le undici eccola e allora noi ci precipitiamo alla mini
già coi soldi nelle mani, arriviamo alla casa e ci troviamo quattro macchine
e una nuvola di gente fuori che aspetta
“Idiota, eccola la tua spipinata alla grandeur, ma non potevi stare zitto?!”
“Allora se questi sono prima di noi, noi torniamo domattina”
“Va bene ma intanto ridammi i soldi”
“Quanto m’hai dato?”
“Duemila io e duemila lui”
“Sei sicuro?”
“Dai scemo, ce n’hai talmente tanti che manco li guardi quando te li diamo”
“ Oh mi raccomando hè, per domattina silenzio!”
Siamo in piazza e scendiamo dalla macchina
non facciamo in tempo a mettere i piedi per terra che Massi urla
come fosse uno che vende giornali
“ULTIME NOTIZIE…  
DOMANI MATTINA ORE DIECI GRANDE SPIPINATA ALLA GRANDEUR!!”

35 commenti:

  1. i maschi..... se non si vantano, non sono loro :D

    RispondiElimina
  2. Sono arrivata fino a 'Gemma' (adoravo mia nonna), ma mi metterò in regola,
    Belli 'sti racconti, autentici,
    Grazie per i tuoi commenti.
    Cristiana

    RispondiElimina
  3. Nessun commento, ma la giustificazione te l'ho già data. A presto.

    RispondiElimina
  4. Come al solito mi hai fatto morire dal ridere!! Una cosa è certa: voi uomini cominciate fin da piccoli a correre dietro le gonnelle...ma è il richiamo della natura.Un caro saluto!

    RispondiElimina
  5. E già ...uomini!
    Io sono sempre più ammirata per come sai raccontare le cose, me lo sono proprio gustato questo racconto, avrei voluto che non finisse mai.
    Ciao, buona serata.
    Antonella

    RispondiElimina
  6. Mi si sono arravogliati l'occhi, prima per il racconto e poi per i doppi commenti.
    A ognuno mi dicevo "ma questo l'ho già letto", ma non ci credevo dando fiducia al contatore là in alto.
    Dirti che è un bel racconto di vita mi pare riduttivo, comunque te lo dico.
    Ciao, al prossimo.

    RispondiElimina
  7. AMANDA, Infatti poco ci frega di farlo con questa e quella
    l'importante è che sia raccontabile
    CRISTIANA, Ci sei arrivata all'avanti o all'indietro? Ciao compagna!
    TERESA, mica ho capito se hai letto,
    RIRI, è la natura? da noi si chiama in un altro modo ma se da te si chiama natura allora è quella.
    ANTONELLA, Il nostro corriere milanese prima o poi ti farò quella domanda che mi sta sul gozzo.
    GATTONERO, Benvenuto, un altro maschietto, siamo pochi nei blog quindi potremmo pretendere le quote azzurre, Ciao

    Anche stavolta vi trovo indulgenti, mi state viziando. Ciao.

    RispondiElimina
  8. Effettivamente sono stati tutti abbastanza indulgenti, ma secondo me qualche tua ammiratrice stavolta si è un po' scandalizzata, ma anche qui con l'ironia sei riuscito a rendere comiche anche le smargiassate delle prime esperienze sessuali giovanili che ti fanno sentire "normale" anche negli eccessi

    RispondiElimina
  9. Ma fammela questa domanda, perchè ti devi tenere una cosa sul gozzo? Non so, per educazione?. per non offendermi?...non ti preoccupare, sputa il tuo rospo, che muoio di curiosità, e vediamo se ho una risposta.
    Antonella

    RispondiElimina
  10. Ma ho l'età per avere il permesso di leggere questo tuo post (che peraltro ho letto)?
    Sai non vorrei mi venisse un coccolone.
    Una simile capitò anche a me, nel 1946, ma eravamo in dieci e la lei era italiana. Ma ci fu concesso il ridotto prezzo-comitiva.

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Conosci la canzone di Jacques Brel "Au suivant"? potrebbe fare da colonna sonora a questo tuo racconto, anche se il suo ricordo è meno gioioso del tuo.
    Un bel racconto: come sempre sei efficace nel ricreare attorno agli episodi che narri la giusta atmosfera e far sì che le avventure dei tuoi protagonisti siano percepite e "fatte proprie" da chi legge (detto da chi per genere e percorsi di vita non potrebbe esserne più lontana).
    ciao Massimo!

    RispondiElimina
  13. LUIGINA, si, ho visto, e mi è dispiaciuto che la Teresa non abbia lasciato commenti, e poi lo sa che ci tengo, ma evidentemente non se la sentiva.
    ANTONELLA, ormai m'hai risposto e gli altri se vogliono vedere la domanda e la rispossta bisogna che vengono sul tuo blog.
    ALDO, fosse successo oggi non avrei approvato ma una quarantina d'anni fa il mondo girava diversamente e credo che leggere quei fatti con un po' di ironia non fa male.
    NINA: e ci mncherebbe che fosse come "avanti il prossimo" ci scherzo su ma c'era poesia, era come bocca di rosa o via del campo, si insomma giù di lì, diglielo a tua sorella, ciao.
    SARI, lei signora ha lasciato un commento che poi ha cancellato io lo conosco e adesso ci ragiono un po'sopra per capire se sia giusto postarlo per farlo conoscer agli altri oppure tenerlo per me, vedrò prossimammente.
    Grazie e arrivederci a tutti

    RispondiElimina
  14. Ma certo che il mondo girava in altro modo.
    E forse era più sano, tutto sommato.
    Più chiaro.

    RispondiElimina
  15. Gentile signor Nucci,
    mi fa piacere che abbia letto il commento cancellato e proprio per questo credo abbia apprezzato l'averlo cassato, inidoneo com'era al clima di questo blog.
    Se lo riterrà opportuno, riscriverò. Distinti saluti.
    Ciao Paolo! ;)

    RispondiElimina
  16. GIOIA oggi sarebbe inamissibile e il primo commento di sari lo dimostra, era un mondo più sano? E' possibile, ma un mondo perfetto non lo sarà mai.
    SARI, ritengo opportuno che tutte le persone che in questo periodo ho avuto il piacere di leggere sia qui sia sui rispettivi blog dicano quel che pensano e se quello era il tuo pensiero credo che fosse giusto rimanesse lì. Questo è quel che credo io, quel che conta però è quel che credi tu; e cosiì sia.
    CIAPLILI, Leggo con piacere e attenzione il tuo blog dove con grazia scrivi poesie e pensieri, cerco di commentare sempre pensando bene a quel che dico nella speranza di essere pertinente e di interessare, adesso mi trovo davanti a tre punti esclamativi
    e non ne capisco il significato, ho quasi timore a dire che li ritengo una offesa a me e agli altri commentatori ma soprattutto non credo rendano onore alla signora dalla vivida intelligenza che son sicuro tu sia.
    buona notte a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domenica scorsa è stata una giornata bellissima, piena di sole, mi sono allungata sin da Feltrinelli insieme a mia figlia che doveva acquistare un libro per il figlio. Feltrinelli dista pochi metri dal mare...per me è stata una bella passeggiata. Mi piacciono le librerie, sono un luogo dove respiro un'altra aria, così gironzolando fra i vari scaffali vedo un libro che si intitola "Quello che gli uomini sanno delle donne", lo prendo tra le mani incuriosita, costa poco, un euro e cinquanta, lo sfoglio e trovo tutte pagine bianche. Lo lascio lì.

      Elimina
  17. Ah signor Nucci :))) se conoscessi Lili, su quei punti esclamativi avresti riso. Non mi sbilancio ad interpretare ma credo che saprà stupirti. Lei, come ha visto bene, è intelligente, spiritosa, ariosa...
    Per quanto riguarda il mio post, aspetto una prossima occasione per esprimere quel che sento di dover dire, pur con il dovuto rispetto, sull'argomento parità di genere.
    Buon sabato.

    RispondiElimina
  18. SARI io intelligente spiritosa ariosa? ma nooooo.....

    RispondiElimina
  19. Certo che uomini e donne spesso viaggiano su due treni diversi
    dove le esperienze degli uni a volte si incontrano con le esperienze
    delle altre e a volte viaggiano verso mondi diversi.
    E' veramente piacevole leggere le tue storie ( o fantastorie?).
    Ciao ciao

    RispondiElimina
  20. Mi fai venire in mente i racconti di mio padre, classe 1919, che da giovane andava al "casino". Tutti in fila,in coda, ad aspettare il proprio turno e a prendersi in giro.Ho ancora trovato delle lettere, scritte da un suo amico mentre era in guerra in Libia, che gli scriveva come il casino non fosse più lo stesso senza di lui perchè le donne erano state tutte "rovinate" dal suo troppo focoso passaggio. Lettere comicissime!

    RispondiElimina
  21. Like it!!!

    Kisses

    http://couturetrend.blogspot.it/

    RispondiElimina
  22. CIAOLILI, lo dicevo io chec'hai testa, bene, la risposta mi piace, touché
    SARI, aspettiamo ache noi con un po'd'ansia
    UNROSETOINVIACERRETO si, siamo diversi e mi vien detto per fortuna perchè l'essere uguali saiche noia!
    KATHERINE, doveva essere un portento! Se la cosa può interessare, io non lo sono e non sto cercando niente.
    JEEH TREND, sono emozionato nel rispondere alla prima straniera che si presenta che poi mi pare sia una modella. Ho il morale alle stelle.
    Se volete un autografo fate sapere.

    RispondiElimina
  23. Certo che ho dovuto arrivare fino a metà per capire che è una "spipinata"!
    Per l'autografo ti farò sapere.
    Per il morale, dopo ieri sera com'è?

    RispondiElimina
  24. in attesa del tuo autografo e scusandomi per la lunga assenza, eccomi qui.
    Bello e genuino e sincero ..come tutti i tuoi racconti!
    Luigì, sono una di quelle ammiratrici che non si scandalizza per questi racconti, per le votazioni si! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo mettevo in dubbio: sapevo che eri in Sardegna. Io sono scandalizzata dal ritorno dei dinosauri, ma soprattutto del non voto di 1/4 degli italiani che magari sono quelli che si lamentano di più :(

      Elimina
  25. Leggere il tuo racconto mi ha risollevato il morale, purtroppo andato giù con il risultato elettorale.

    Ciao :)

    RispondiElimina
  26. prima non riuscivo a commentare (colpa del mio pc)ma qusto racconto mi ha risollevato il morale, anche se anch'io ho dovuto leggere un bel pezzo prima di capire cos'era la "spipinata" (son veneta accipicchia)

    RispondiElimina
  27. Ciao Massimo, ogni tanto ho qualche fastidio col pc, faccio una prova, Lili.

    RispondiElimina
  28. Beh, sono aspetti della vita oltre che della letteratura!

    RispondiElimina
  29. BEYK, il morale galleggia
    almeno te credevo l'avessi capito al volo.
    JANAS, t'aspettavo che non sapevo ch'eri là.
    NOU, son felice di quel che mi dici, prima perchè risollevo il tuo morale, secondo perchè la pensi come me.
    ADRIANA,anche a te il morale è andato giù, ma non c'è mai una buona occasione perchè stia alto? Spipnata è una parola inventata lì per lì e voleva dire qualcosa fatto col pipino (spero che la parola così infantile si possa dire)
    CIAOLILI, avessi anche qualche fastidio col bacio prova pure, a disposizione!
    SARA, la più grande gattara e rosara del web, tu riesci a far crescere le rose sulla coda dei gatti non faccio letteratura, non ci riesco, tu che scrivi storie ricavate dai sassi del tuo museo si che la fai.
    Buona notte a tutti e grazie dei vostri interventi.
    vi voglio bene, non immaginate quanto.

    RispondiElimina
  30. mi ha colpito il nome che hai scelto per il tuo blog e il sottotitolo è una paura "particolare"

    RispondiElimina
  31. STEFANIA, ho visitato diverse volte il tuo blog
    e volevo anche scrivere qualcosa
    ma mi son sempre detto che una che studia così tanto
    manco mi si fila
    e ho girato pagina,
    sono felicissomo di questa visita.
    Arrivederci.

    RispondiElimina
  32. Ho letto d'un fiato, sorridendo dall'inizio alla fine.
    Curiosamente mi sono anche un po' intenerita.
    Ciao!

    RispondiElimina

Ho una gran fiducia in tutti quanti ma sono stato costretto ad aggiungere un test di verifica. Abbiate pazienza.